Schiacciata di quinoa, cocco, mandorle e semi di lino

Schiacciata di quinoa, cocco, mandorle e semi di lino

Un alimento che non manca mai sulle tavole degli italiani è il pane, o qualcosa che lo ricordi: gallette, crackers, taralli, gallette, fette biscottate, eccetera. Queste ultime sembrano alternative più salutari del pane perché danno un senso di leggerezza, ma non è così.

In realtà sono tutti prodotti ricchi di farine raffinate, grassi idrogenati, lieviti, sale bianco, conservanti, tutti ingredienti che vanno ad alterare il nostro prezioso microbiota.

 

Per molte persone è difficile rinunciarvi, in parte perché creano dipendenza, in parte perché nella nostra tradizione culinaria mangiare senza farinacei equivale, almeno per alcune persone, a non mangiare. In realtà si tratta di abituarsi, disintossicarsi e trovare delle alternative più sane ma non meno gustose anziché eliminare. La parola eliminare non piace al nostro cervello che subito entra in una modalità di privazione e punizione, cercando consolazione proprio nel cibo meno adeguato (spesso scatta il meccanismo per cui “me ne privo per un po’ poi mi abbuffo quando non ne posso più”).

 

Un primo passo per cambiare può essere giocare sulle quantità, riducendo questi prodotti e non consumandoli ad ogni pasto, e soprattutto cercare altre possibilità. Sostituire è la parola magica. Di alternative se ne possono creare tante, basta allenare un po’ la fantasia e la creatività, usando semi, frutta a guscio, grassi buoni, farine proteiche, eventualmente un po’ di cereali antichi e pseudo-cereali cotti, che ben si inseriscono in simil-focacce e simil-pane. Tutto questo nell’ottica di abbassare il picco glicemico e il picco insulinico indotti dagli zuccheri (non dimentichiamo che tutti farinacei sono zuccheri) e non usare i lieviti.

 

Ieri, per esempio, ho preparato una schiacciata di quinoa, cocco, mandorle e lino, morbida ma anche croccante e davvero piacevole da gustare. Il sapore non è, ovviamente, quello del pane, nemmeno la consistenza, ma immagina di accompagnarne un pezzetto con verdure, grassi e una buona proteina. Oppure di usarla come base per farcirla tipo pizza, con verdure, avocado e pezzetti di salmone affumicato o un po’ di ricotta o scaglie di Parmigiano o quello che la vostra fantasia vi suggerisce. La si può rendere più o meno croccante giocando sulla temperatura (io preferisco non superare i 120°C per ridurre la formazione di molecole tossiche) e sui tempi di cottura. Le quantità sono indicative, io vado spesso a occhio in queste preparazioni.

 

È comunque un alimento da usare con parsimonia, come piccolo contorno, non come base dei nostri pasti.

 

Ingredienti

1 bicchiere di quinoa

3 cucchiai di farina di cocco (o cocco in scaglie macinato)

3 cucchiai di semi di lino

3 cucchiai di farina di mandorle

spezie

erbe aromatiche

sale marino integrale o sale rosa

1 cucchiaino di bicarbonato

3 cucchiai di olio extravergine di oliva

acqua q.b.

 

Lasciare in ammollo la quinoa per alcune ore o tutta la notte (per praticità).

 

Scolare i chicchi, sciacquarli e cuocerli in un quantitativo di acqua sufficiente a ricoprirli bene.

 

Quando avranno assorbito tutta l’acqua e saranno teneri, togliere dal fuoco e aggiungere gli altri ingredienti, mescolando prima quelli secchi e incorporando alla fine quelli liquidi. Aggiungere una quantità di acqua sufficiente ad ottenere un impasto abbastanza morbido ma non liquido.

 

Io l’ho insaporito con aghi di rosmarino, maggiorana, e un mix di spezie della tradizione indiana.

 

Lasciare riposare per qualche ora a temperatura ambiente. Questo passaggio non è indispensabile ma io in genere lo faccio affinché ci sia una predigestione degli ingredienti.

 

Disporre l’impasto in una teglia foderata di carta da forno o unta con ghi (o burro o olio di cocco) aiutandosi con un cucchiaio, con uno spessore di circa due o tre centimetri.

 

Cuocere in forno a temperatura bassa o moderata per circa 30-40 minuti, o il tempo necessario, controllando spesso per non bruciare la schiacciata.

 

Se nei giorni seguenti diventasse un po’ dura si può inumidire la schiacciata con un po’ di acqua e ripassarla in forno o nel tostapane per qualche minuto, tornerà croccante come appena sfornata.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi subito in regalo l’ebook Gusto e salute a tavola: idee, astuzie e ricette.



Simona Grossi

info@simonagrossi.it

Sono Simona, biologa nutrizionista e naturopata. Ti aiuto a ritrovare forza ed energia attraverso un’alimentazione corretta, svolgere un’attività fisica adeguata e a trovare momenti di rilassamento, piacere e lentezza.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.