Biscotti al profumo di mandarino e cannella

Biscotti al profumo di mandarino e cannella

Come ogni anno non possono mancare, oggi, dei biscottini da offrire a Santa Lucia. Ci sono rituali che ci restano nel cuore fin dall’infanzia, per me questo è uno di quelli, uno dei pochi che ancora conservo.

 

Perché era, e per molti bambini ancora è, una notte magica, lunga, di attesa, quella tra il 12 e il 13 dicembre, la notte in cui Santa Lucia entra in ogni casa e lascia doni ai più piccoli. In cambio, i bimbi le avranno lasciato qualche biscotto e una tisana calda (un tempo era latte ma oggi non è più di moda) per ringraziarla, aiutarla a riprendersi dalla fatica e proseguire il suo lungo viaggio.

 

I miei biscotti di quest’anno però sono sobri, a basso indice glicemico, perché anche Santa Lucia ha imparato nel tempo a fare attenzione a certe cose, per esempio ad essere selettiva con i carboidrati e a non eccedere nel loro consumo.

 

Sono poco zuccherati ma volendo si possono addolcire ulteriormente con frutta secca reidratata, una banana schiacciata, zucchero di cocco o un altro dolcificante naturale a ridotto impatto glicemico.

 

Per variare puoi anche dare un’occhiata a quelli dell’anno scorso.

 

Ingredienti

75 grammi di fiocchi d’avena

75 grammi di farina di nocciole

50 grammi di farina di mandorle

80 grammi di burro

2 albumi

mezza bustina di lievito senza fosfati

1 cucchiaino di cannella in povere

1 mela grattugiata

4 mandarini

latte di mandorla q.b.

 

Tritare i fiocchi d’avena fino a ridurli in farina.

 

Riunire in una ciotola le farine di avena, nocciole e mandorle, ricoprirle con latte di mandorla e lasciare a riposo alcune ore.

 

Estrarre il burro dal frigorifero e lasciarlo ammorbidire a temperatura ambiente.

 

Lavare accuratamente i mandarini (biologici per non fare il pieno di pesticidi), grattugiare la buccia e spremere il succo.

 

Lavare e grattugiare la mela.

 

Aggiungere alle farine reidratate il burro, la buccia e il succo dei mandarini e la purea di mela.

Separare i tuorli dagli albumi e montare a neve questi ultimi. Si potranno usare i tuorli per preparare una vinaigrette per le verdure o per altri piatti.

 

Incorporare delicatamente gli albumi al resto degli ingredienti.

 

Mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Se necessario aggiungere qualche cucchiaio di latte di mandorla.

 

Rivestire la placca del forno con carta forno o ungerla di burro. Disporre piccole quantità di impasto servendosi di due cucchiai, formando mucchietti ben distanziati l’uno dall’altro perché durante la cottura tenderanno ad allargarsi.

 

Cuocere a 100°C per circa 20 minuti o per il tempo necessario.

 

Cospargere con granella di mandorle e lasciare raffreddare.

 

Varianti

Il burro migliore, sia per il gusto che sul piano nutrizionale, è quello derivato da animali vissuti al pascolo e nutriti a erba. Si può anche sostituire con burro chiarificato (ghee).

 

Se vuoi evitare prodotti animali puoi sostituire il burro con olio di oliva extravergine.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi subito in regalo l’ebook Gusto e salute a tavola: idee, astuzie e ricette.



Maddalena (prova) Pisani (prova)

info@simonagrossi.it

Sono Simona, biologa nutrizionista e naturopata. Ti aiuto a ritrovare forza ed energia attraverso un’alimentazione corretta, svolgere un’attività fisica adeguata e a trovare momenti di rilassamento, piacere e lentezza.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.