Hummus tricolore: l’originale e due gustose varianti

Hummus tricolore: l’originale e due gustose varianti

Ne parlo spesso, mi piace moltissimo e ora è arrivato il momento di condividere la mia versione dell’hummus tricolore, una di quelle che mi è riuscita meglio.

Sì perché la ricetta dell’hummus è come quella per la crostata o i tortelli in Emilia: ogni famiglia ha la sua e nessuna è uguale all’altra, anche se si assomigliano tutte.

 

Si tratta di un piatto semplice ma sostanzioso e nutriente a base di ceci, sesamo, limone e spezie. Nato in Libano si è poi diffuso in molti altri paesi del Medio Oriente, ma oggi è ormai conosciuto ovunque.

 

In qualunque modo io lo prepari non me ne stanco mai. Ha tutto quello che cerco in un piatto: pochi ingredienti che insieme si sposano perfettamente e si potenziano a vicenda, una consistenza cremosa, avvolgente e confortante, è raffinato nella sua semplicità, ha qualcosa di esotico ma non troppo accentuato, sazia senza appesantire, è versatile e si può abbinare con verdure, crackers, piadine varie autoprodotte, va bene come aperitivo ma anche per accompagnare una bella insalata e diventare un piatto unico che in genere fa contenti tutti. Ho dimenticato qualcosa?

 

A volte lo “snaturo” un po’, alleggerendolo con qualche verdura. A questo scopo si prestano bene le barbabietole rosse, le carote, la zucca, le zucchine, a seconda della stagione. In questo modo si possono variare sia il sapore che il colore e creare, soprattutto se si hanno ospiti, un piatto gradevole anche a vedersi.

 

Amo molto i legumi, anche se non sono alimenti adatti a tutti perché spesso creano problemi digestivi. Però, tra il bianco e il nero ci sono infinite sfumature di grigio, cioè molto dipende dalle condizioni di preparazione. Personalmente cerco di dare la preferenza a legumi freschi o secchi e poi reidratati, come i ceci che ho usato in questa ricetta.

 

I semi di sesamo sono ricchi di minerali, in particolare calcio, ferro, magnesio e selenio, vitamine del gruppo B e acidi grassi polinsaturi. Essendo piuttosto sbilanciati nel rapporto omega 6 e omega 3 é bene alternarli con altri grassi perché un eccesso di omega 6 nella dieta può favorire i processi infiammatori.

 

Tra i tanti esperimenti che ho provato quello che descrivo sotto è uno di quelli che preferisco. Tuttavia, le quantità sono indicative e possono essere aggiustate in base al tuo gusto personale.

 

Ingredienti
350 grammi di ceci secchi
250 grammi di carote
250 grammi di barbabietole rosse
2-3 centimetri di alga kombu
4 cucchiai colmi di tahin (crema di sesamo integrale)
7 cucchiai di olio extravergine di oliva
3 spicchi di aglio schiacciati
succo di due limoni
2 cucchiaini di cumino in polvere (o di semini pestellati)
1 cucchiaino di paprica (o 1/2 cucchiaino di peperoncino)
1 cucchiaino di curcuma in polvere
1-2 cucchiaini di sale rosa (o sale integrale)

 

Per decorare
semi di sesamo leggermente tostati
foglie fresche di prezzemolo o coriandolo

 

Mettere in ammollo i ceci secchi per 48 ore, cambiando l’acqua di ammollo più volte.

 

Scolarli, sciacquarli e metterli in una casseruola coperti di acqua insieme all’alga kombu. Cuocerli per il tempo necessario a renderli morbidi (a me in genere bastano 20-25 minuti).

 

Cuocere al vapore le carote e le barbabietole. Se non sono state trattate con pesticidi non è necessario sbucciarle. Tenere da parte l’acqua di cottura.

 

Mettere nel frullatore i ceci con tutti gli altri ingredienti a parte le due verdure. Aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura delle verdure. Frullare fino ad ottenere un composto cremoso ma consistente.

 

Dividere il composto in tre parti uguali e lasciarne una al naturale.

 

Frullare una seconda porzione con le carote cotte e la terza con le barbabietole rosse. Per aumentare la cremosità, aggiungere un cucchiaio di tahin in entrambi i casi.

 

Disporre le tre versioni di hummus in un piatto da portata. Decorare con semi di sesamo leggermente tostati e foglie fresche di prezzemolo o di coriandolo tritate.

 

Se proverai a cucinarlo sarei curiosa di sapere quale versione preferisci. Raccontami nei commenti se ti va.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi subito in regalo l’ebook Gusto e salute a tavola: idee, astuzie e ricette.



Simona Grossi

info@simonagrossi.it

Sono Simona, biologa nutrizionista e naturopata. Ti aiuto a ritrovare forza ed energia attraverso un’alimentazione corretta, svolgere un’attività fisica adeguata e a trovare momenti di rilassamento, piacere e lentezza.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.