I mille usi della zucca e il mio patè - Simona Grossi

I mille usi della zucca e il mio patè

Oggi parliamo di lei, la protagonista indiscussa di questo periodo, la zucca. È un ortaggio di cui non posso fare a meno nei mesi invernali, perché è allegra, colorata e versatile. Quando la cucino mi mette sempre di buon umore.

 

Originaria dell’America centrale, è arrivata in Italia con Cristoforo Colombo. All’inizio si è diffusa soprattutto nel mondo contadino, poi il suo consumo si è esteso anche alle classi più abbienti, che ne hanno apprezzato il sapore abbinata a erbe e spezie o in versioni più dolci.

 

Ne esistono numerose varietà, essenzialmente riconducibili a due specie principali: Cucurbita maxima e Cucurbita moscata. Quest’ultima, nelle sue diverse declinazioni, ha una polpa più morbida, setosa e un sapore più dolce della prima. Una delle varietà che preferisco è quella che dalle mie parti si chiama “zucca castagna”, per il sapore e la consistenza particolari che ricordano, appunto, quello della castagna. È deliziosa anche cuocendola semplicemente al vapore o al forno, condita con un filo d’olio di oliva e rosmarino oppure una spolverata di Parmigiano o ancora qualche cucchiaiata di mandorle o noci tritate.

 

La zucca si semina in primavera e si raccoglie a fine agosto. Al momento dell’acquisto è importante che sia fresca, ben matura e soda. Basta “colpirla” con le nocche della mano e verificare che emetta un suono sordo. Inoltre, il picciolo deve essere morbido e ben attaccato alla zucca e la buccia pulita e senza ammaccature.

 

Se conosci un buon produttore consapevole, non esitare a farne una bella scorta. Una volta sistemata in un luogo buio, fresco e asciutto, si conserverà per tutto il periodo invernale. È un aspetto pratico da non sottovalutare, soprattutto per chi ha poco tempo per fare la spesa.

 

Dal punto di vista nutrizionale è ricca di carotenoidi, mucillagini e pectine. È quindi preziosa per la vista (i carotenoidi sono precursori della vitamina A) e per facilitare il transito intestinale. L’abbondanza di vitamina A può stimolare l’abbronzatura. Contiene anche discrete quantità di minerali (soprattutto fosforo, potassio, magnesio, ferro e zinco), vitamina C e vitamine del gruppo B. Nonostante il suo sapore dolce fornisce solo 17 Kcal per 100 grammi, apprezzata quindi da chi segue un regime ipocalorico, anche perché ha un alto potere saziante e sostituisce egregiamente cereali e farinacei.

 

Se consumata con regolarità all’interno di una dieta ben equilibrata, è considerata un alimento utile per prevenire alcune forme tumorali, alleviare i disturbi gastrici e alleviare le patologie della prostata.

 

Si riconoscono alla zucca proprietà calmanti per chi soffre di problemi nervosi, proprietà digestive, rinfrescanti, lassative e diuretiche.

 

Della zucca non si butta niente, anche i semi sono commestibili. Sono ricchi di zinco, fitosteroli, acidi grassi e lecitina. Molto apprezzati in caso di parassitosi per la loro azione vermifuga, dovuta soprattutto alla presenza di un amminoacido, la cucurbitina, che paralizza la tenia e scaccia i parassiti intestinali. I semi di zucca, inoltre, sono in grado di alleviare le infiammazioni della pelle e di prevenire le disfunzioni delle vie urinarie.

 

La zucca è uno degli ortaggi più versatili. Si accosta a ingredienti sia dolci che salati ed erbe dal sapore deciso e intenso, come salvia e rosmarino. Ora vorrei parlarti proprio dei suoi mille usi, in cucina e non solo.

 

– Nei dolci tradizionali è possibile sostituire parte della farina e dello zucchero con polpa di zucca.

– Si possono fare deliziose crocchette vegetali mescolando polpa di zucca cotta al vapore, proteine vegetali (semi di chia, semi di canapa o proteine di semi oleosi in polvere), grassi buoni, sale integrale e erbe aromatiche a piacere.

– La zucca al forno o al vapore è un ottimo contorno per uova o pesce.

– Dà consistenza e cremosità alle vellutate.

– Si presta a numerose cotture: al vapore condita poi a crudo con ghi o olio di oliva, al forno con olio evo e rosmarino, tagliata a cubetti e saltata in padella con spezie e aromi dell’orto.

– C’è anche chi la preferisce cruda, tagliata a fettine sottilissime condite con un filo d’olio o grattugiata, oppure disidratata in un essiccatore.

– Gustose chips di zucca si possono ottenere anche cuocendo in forno a bassa temperatura la polpa tagliata a fettine o addirittura la buccia nelle varietà in cui è molto sottile (in genere quelle con la buccia arancione).

– È perfetta per preparare un delizioso hummus di zucca in cui l’ortaggio sostituisce i ceci presenti nella versione tradizionale (vedi ricetta sotto).

– Si presta per ottenere pane e crackers coloratissimi, sostituendo parte della farina con polpa di zucca.

– Hai mai provato l’olio di semi di zucca? È squisito e dà un tocco molto raffinato quando si usa a crudo sulle verdure.

– Infine, per uso cosmetico, con la polpa di zucca si possono ottenere maschere per la pelle, efficaci per idratare l’epidermide o per lenire le scottature (in questo caso è preferibile utilizzare la buccia).

 

Prima di concludere ti lascio la ricetta di un patè di zucca tanto semplice da preparare quanto gustoso.

 

Ingredienti

500 grammi di zucca

1 piccola cipolla

2 cucchiai di semi di sesamo

1 cucchiaio di semi di girasole

1 cucchiaio di noci tritate (o mandorle)

2-3 cucchiai d’olio extravergine di oliva

1 rametto di rosmarino

1 cucchiaino di curry

½ cucchiaino di curcuma

semi di cumino (in polvere o pestati nel mortaio)

1 cucchiaino di sale marino integrale

acqua di cottura della zucca q.b.

 

Cuocere la zucca al vapore, lasciarla raffreddare.

 

Togliere la buccia e tagliare la polpa a tocchetti.

 

Macinare i semi di sesamo, i semi di girasole e le mandorle nel macinacaffè.

 

Unire tutti gli ingredienti in un mixer da cucina e frullare fino ad ottenere una crema omogenea, che si potrà conservare per alcuni giorni in frigo, in un vasetto di vetro.

 

È una crema perfetta per esempio per un leggero pasto serale, accompagnata da verdure leggermente cotte e condite a crudo con grassi buoni.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi subito in regalo l’ebook Gusto e salute a tavola: idee, astuzie e ricette.



Simona Grossi

info@simonagrossi.it

Sono Simona, biologa nutrizionista e naturopata. Ti aiuto a ritrovare forza ed energia attraverso un’alimentazione corretta, svolgere un’attività fisica adeguata e a trovare momenti di rilassamento, piacere e lentezza.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.